Archivio della categoria: Uncategorized

Guido Rossa, gli anni Settanta e il terrorismo

19 luglio 2016 Gli anni Settanta sono sicuramente il decennio più saccheggiato dai nostri giornalisti per questioni probabilmente anagrafiche: o li hanno vissuti, o li hanno sognati, comunque spuntano sempre per paragoni più o meno discutibili. Il decennio più lungo

Guido Rossa, gli anni Settanta e il terrorismo

19 luglio 2016 Gli anni Settanta sono sicuramente il decennio più saccheggiato dai nostri giornalisti per questioni probabilmente anagrafiche: o li hanno vissuti, o li hanno sognati, comunque spuntano sempre per paragoni più o meno discutibili. Il decennio più lungo

Sessant’anni da Marcinelle

8 agosto 1956. Il cielo è limpido sul distretto minerario di Charleroi. Lì dove piove sempre e il grigio è ormai il colore che avvolge tutto, quell’azzurro suona come un augurio di qualcosa di nuovo, di qualcosa di buono. Ma

Sessant’anni da Marcinelle

8 agosto 1956. Il cielo è limpido sul distretto minerario di Charleroi. Lì dove piove sempre e il grigio è ormai il colore che avvolge tutto, quell’azzurro suona come un augurio di qualcosa di nuovo, di qualcosa di buono. Ma

Lettera aperta a un giornale della sera sul 25 aprile

Caro Marco Cianca, leggo il tuo articolo sul 25 aprile mentre, in treno, sto andando a Marzabotto. Ho deciso infatti di trascorrere lì, quest’anno, il giorno della Liberazione. L’ho deciso per tanti motivi, non ultimo il fatto che a Monte

Lettera aperta a un giornale della sera sul 25 aprile

Caro Marco Cianca, leggo il tuo articolo sul 25 aprile mentre, in treno, sto andando a Marzabotto. Ho deciso infatti di trascorrere lì, quest’anno, il giorno della Liberazione. L’ho deciso per tanti motivi, non ultimo il fatto che a Monte

Serve una giornata delle vittime del terrorismo?

Esiste un problema di narrazioni innanzitutto. I racconti delle stragi hanno avuto infinitamente meno successo di quelli degli atti di terrorismo “individuali”. E’ un problema che si è posto da subito, al cinema, in tv, nella memorialistica. Un faccia a

Serve una giornata delle vittime del terrorismo?

Esiste un problema di narrazioni innanzitutto. I racconti delle stragi hanno avuto infinitamente meno successo di quelli degli atti di terrorismo “individuali”. E’ un problema che si è posto da subito, al cinema, in tv, nella memorialistica. Un faccia a

Bianciardi, Cassola e i minatori della Maremma

Il 4 maggio del 1954, alle 8 e 17 della mattina, nella miniera di Ribolla di proprietà della Montecatini, esplode il pozzo Camorra. Nella tragedia, frutto della colpevole e criminale superficialità dell’azienda di Milano, perdono la vita 43 minatori. Oggi da

Bianciardi, Cassola e i minatori della Maremma

Il 4 maggio del 1954, alle 8 e 17 della mattina, nella miniera di Ribolla di proprietà della Montecatini, esplode il pozzo Camorra. Nella tragedia, frutto della colpevole e criminale superficialità dell’azienda di Milano, perdono la vita 43 minatori. Oggi da

La controversia, ovvero il modo in cui Hannah Arendt oggi ci è incredibilmente vicina

“Assistere a questo processo è un obbligo che ho verso il mio passato” Hannah Arendt, 2 gennaio 1961 “Qui si devono giudicare le sue azioni, non le sofferenze degli ebrei, non il popolo tedesco o l’umanità, e neppure l’antisemitismo e

La controversia, ovvero il modo in cui Hannah Arendt oggi ci è incredibilmente vicina

“Assistere a questo processo è un obbligo che ho verso il mio passato” Hannah Arendt, 2 gennaio 1961 “Qui si devono giudicare le sue azioni, non le sofferenze degli ebrei, non il popolo tedesco o l’umanità, e neppure l’antisemitismo e