Archivio della categoria: Uncategorized

FAMIGLIE CONTRO LEGGE 180: UNA BUFALA CHE COMPIE 40 ANNI

«La mia mente è come fatta di cristallo, non sono resistente e quindi basta forse poco per farmi perdere il senso della verità, quel bianco e nero che parlavo prima. In questa crisi sono stata assistita in pieno proprio dal

FAMIGLIE CONTRO LEGGE 180: UNA BUFALA CHE COMPIE 40 ANNI

«La mia mente è come fatta di cristallo, non sono resistente e quindi basta forse poco per farmi perdere il senso della verità, quel bianco e nero che parlavo prima. In questa crisi sono stata assistita in pieno proprio dal

Il fantasma del manicomio. Perché, a quarant’anni dalla sua approvazione, la legge Basaglia è ancora un modello legislativo.

l 13 maggio ricorrono i 40 anni dall’approvazione della cosiddetta Legge Basaglia (legge 180): da giorni si susseguono sulla stampa commemorazioni e ricordi, spesso commoventi, che tendono a isolare come irripetibile la grande rivoluzione compiuta nel 1978, ma il rischio

Il fantasma del manicomio. Perché, a quarant’anni dalla sua approvazione, la legge Basaglia è ancora un modello legislativo.

l 13 maggio ricorrono i 40 anni dall’approvazione della cosiddetta Legge Basaglia (legge 180): da giorni si susseguono sulla stampa commemorazioni e ricordi, spesso commoventi, che tendono a isolare come irripetibile la grande rivoluzione compiuta nel 1978, ma il rischio

PICCOLA CITTÀ. PER UNA STORIA CULTURALE DELL’EROINA

Bene, se mi dici che ci trovi anche dei fiori in questa storia, sono tuoi. Bene, Francesco De Gregori, 1974 Guardate questa bambina. Questa bambina sono io. Ho la piuma in testa e delle foglie in mano. È il 5 settembre

PICCOLA CITTÀ. PER UNA STORIA CULTURALE DELL’EROINA

Bene, se mi dici che ci trovi anche dei fiori in questa storia, sono tuoi. Bene, Francesco De Gregori, 1974 Guardate questa bambina. Questa bambina sono io. Ho la piuma in testa e delle foglie in mano. È il 5 settembre

Il processo che ha cambiato il racconto del novecento

L’8 agosto del 1945 a Londra le principali potenze alleate siglano la nascita del Tribunale militare contro i crimini di guerra. Un tribunale nel quale, per la prima volta nella storia, siederanno sul banco degli imputati i responsabili ideologici e non soltanto

Il processo che ha cambiato il racconto del novecento

L’8 agosto del 1945 a Londra le principali potenze alleate siglano la nascita del Tribunale militare contro i crimini di guerra. Un tribunale nel quale, per la prima volta nella storia, siederanno sul banco degli imputati i responsabili ideologici e non soltanto

Guido Rossa, gli anni Settanta e il terrorismo

19 luglio 2016 Gli anni Settanta sono sicuramente il decennio più saccheggiato dai nostri giornalisti per questioni probabilmente anagrafiche: o li hanno vissuti, o li hanno sognati, comunque spuntano sempre per paragoni più o meno discutibili. Il decennio più lungo

Guido Rossa, gli anni Settanta e il terrorismo

19 luglio 2016 Gli anni Settanta sono sicuramente il decennio più saccheggiato dai nostri giornalisti per questioni probabilmente anagrafiche: o li hanno vissuti, o li hanno sognati, comunque spuntano sempre per paragoni più o meno discutibili. Il decennio più lungo

Sessant’anni da Marcinelle

8 agosto 1956. Il cielo è limpido sul distretto minerario di Charleroi. Lì dove piove sempre e il grigio è ormai il colore che avvolge tutto, quell’azzurro suona come un augurio di qualcosa di nuovo, di qualcosa di buono. Ma

Sessant’anni da Marcinelle

8 agosto 1956. Il cielo è limpido sul distretto minerario di Charleroi. Lì dove piove sempre e il grigio è ormai il colore che avvolge tutto, quell’azzurro suona come un augurio di qualcosa di nuovo, di qualcosa di buono. Ma

Lettera aperta a un giornale della sera sul 25 aprile

Caro Marco Cianca, leggo il tuo articolo sul 25 aprile mentre, in treno, sto andando a Marzabotto. Ho deciso infatti di trascorrere lì, quest’anno, il giorno della Liberazione. L’ho deciso per tanti motivi, non ultimo il fatto che a Monte

Lettera aperta a un giornale della sera sul 25 aprile

Caro Marco Cianca, leggo il tuo articolo sul 25 aprile mentre, in treno, sto andando a Marzabotto. Ho deciso infatti di trascorrere lì, quest’anno, il giorno della Liberazione. L’ho deciso per tanti motivi, non ultimo il fatto che a Monte